Bobby Solo

Roberto Satti, noto con il nome d'arte di Bobby Solo, è stato uno degli esponenti di spicco della musica italiana degli anni '60.

Eppure anche negli anni '80 è riuscito a lasciare una traccia indelebile, proponendo al Festival di Sanremo quattro brani che dal 1980 al 1984 seppero dare nuovo vigore alla sua carriera, risparmiandolo a quelle operazioni nostalgia in cui vennero coinvolti molti suoi colleghi.

I cultori del genere in realtà riuniscono i primi tre ("Gelosia", "Non posso perderti", "Tu Stai") in una sorta di trittico, in quanto brani assolutamente complementari. "Ancora ti vorrei" rappresenta invece un capitolo a parte, in quanto estremamente confidenziale e meno ritmato degli altri.

Partiamo con "Gelosia": qui la voce di Bobby cadenza le strofe con sapiente maestria per essere particolarmente suadente nel ritornello.

"Non posso perderti" vive invece su brillanti archi che fanno da controcanto all'interprete.

Ma il vero capolavoro è "Tu stai": un'introduzione bellissima, un testo ficcante <<io qui, a sbattermi al lavoro… perché, se ad essere sincero, so già che non potremo mai andar via… da questa stupida pazzia>>, la voce di Bobby si arrampica al ritmo di mani che battono: il successo è straordinario e viene applaudito dal pubblico dell'Ariston.

E, probabilmente grazie a questa verve ritrovata, Bobby fonda un gruppo, i Robot, insieme a Little Tony e Rosanna Fratello (la magica e bella interprete di "Sono una donna, non sono una santa" e "Non sono Maddalena") con i quali incide anche alcuni pregevoli dischi, partecipando a diverse trasmissioni televisive. Il nome deriva proprio dalla composizione dei nomi dei tre: ROsanna, BObby e Tony.

Nel 2001 Bobby ha partecipato alla trasmissione "La notte vola" riproponendo "Non posso perderti". Alcuni fan avrebbero preferito portasse "Tu stai", ma in ogni caso ha comunque fatto la sua grande figura anche con questo brano.



Social

Vuoi collaborare?

Scrivici! info at ottantaedintorni.it

Ultime News

Doppia uscita per Walter Foini

"Notte senza luna Ŕ" e "Il silenzio Ŕ fragile"

Il bar del mondo. Nuovo LP per Gianni Togni

Ultima fatica di uno dei cantautori simbolo degli anni 80.

Il pi¨ inaspettato dei ritorni..

Walter Foini presenta Chi? su etichetta RiverRecords



Ottantaedintorni© 2002-2016 - Tutti i Diritti Riservati | Note Legali | Credits | Mappa Sito