Garbo

Con il termine new wave si intende una corrente artistica sviluppatasi alla fine degli anni '70 e che, nel caso dell'ambito musicale, ha portato ad esempio a un uso dell'elettronica particolarmente originale accompagnato a sapori decadenti. Uno dei principali esponenti italiani di questa corrente è Renato Abate, classe 1958, noto con il nome d'arte di Garbo.
 
Dall'immagine eterea e la voce cavernosa e pastosa, Garbo esordisce con l'album A Berlino... va bene e l'omonimo singolo datati 1981, guadagnando subito l'attenzione del pubblico 'post cantautori'. Un disco diretto e originale a cui fa seguito nel 1982 l'ottimo Scortati contenente due importanti capitoli della discografia di Abate: Generazione e Vorrei Regnare, brani apparantemente cupi, ricchi di fraseggi melodici e un uso straordinario delle chitarre. 
 
Il percorso di Garbo non si ferma e ha una sua evoluzione ulteriore che lo porta ad arricchire gli arrangiamenti di suoni ancor più eclatanti nelle celebri Quanti anni hai e Radioclima, quest'ultima presentata al Festival di Sanremo nel 1984. Si tratta di una canzone all'avanguardia, infarcita di effetti e con un uso ossessivo della ritmica che rallenta solo a tratti. Assolutamente consigliato l'ascolto in cuffia per percepirne le finezze.
 
E ancora nel 1985 Garbo torna all'Ariston con l'altrettanto valida Cose veloci, dove si iniziano a intravedre i primi segnali di una svolta verso un discorso a tratti più abbordabile ai profani del genere, che sfocerà nell'album Il Fiume del 1986, probabilmente il disco di maggior successo commerciale del nostro, trainato da una title track coinvolgente, e il successivo Manifesti del 1988, dove si incontrano diversi brani di matrice pop, su tutti la elegante E' Tardi e la trascinate Extra Garbo, proposta con buon riscontro al Festivalbar.
 
Qui Garbo chiude il 'nostro' decennio passando a un percorso più indipendente e continuando in futuro a sfornare lavori di ottima qualità (da 1.6.2 alla recente trilogia dei colori - Blu, Gialloelettrico e Come il vetro) sperimentali e non solo, fino ai giorni nostri. Assorbendo le nuove opportunità creative senza dimenticare il meglio del suo grande passato che ha influenzato molte delle cosiddette nuove leve della canzone italiana. Da segnalare infine che i suoi primi album sono stati ristampati in CD con ottime rimasterizzazioni.

Recensione Ottantaedintorni Concerti:
La Moda Live Tour (30/03/2012)


Social

Vuoi collaborare?

Scrivici! info at ottantaedintorni.it

Ultime News

Doppia uscita per Walter Foini

"Notte senza luna Ŕ" e "Il silenzio Ŕ fragile"

Il bar del mondo. Nuovo LP per Gianni Togni

Ultima fatica di uno dei cantautori simbolo degli anni 80.

Il pi¨ inaspettato dei ritorni..

Walter Foini presenta Chi? su etichetta RiverRecords



Ottantaedintorni© 2002-2018 - Tutti i Diritti Riservati | Note Legali | Credits | Mappa Sito