Marco Armani

Estensione eccezionale, voce pastosa, gran senso della melodia. Sono queste le caratteristiche salienti di Marco Armani (vero nome Marco Antonio Armenise). Classe 1961, pugliese, Marco ha vissuto un periodo di grande successo negli anni '80 grazie a diverse partecipazioni al Festival di Sanremo.

Dopo l'esordio mel 1982 con il dolce singolo Domani, si presentò per la prima volta sul palco dell'Ariston con E' la vita che, dopo una rapida introduzione al piano, si estende ritmato disegnando il giusto accompagnamento alla voce dell'interprete, che pronuncia la E del titolo, quasi aspirandola "heh".

Il brano, di ottima fattura, può sembrare inizalmente scanzonato ma in realtà affronta un tema profondo come quello dell'esistenza. L'anno successivo Marco si piazza al secondo posto tra le nuove proposte con Solo con l'anima mia, scritto da Ron e Luca Carboni. Preceduta dalla sola Terra promessa di Eros Ramazzotti, questa canzone è sicuramente entrata a far parte dei classici di Armani, grazie a un costrutto particolarmente elegante dove si nota chiaramente l'impronta di Ron.

Nel 1985 Marco tira fuori dal cilindro uno dei suoi maggiori successi che lo lancia definitivamente nel firmamento dei migliori cantautori melodici italiani. Stiamo parlando di Tu dimmi un cuore ce l'hai. La poesia che traspare da questa canzone è infinita... frasi come "Siamo finiti qui a confidarci con le nuvole" o "E poi non è così difficle, sognare ad occhi aperti è facile" sono restate impresse nella memoria dei giovani dell'epoca. Dello stesso anno è inoltre il primo album, prodotto dal bassista dei Pooh, Red Canzian: Le cose che vanno lontano. L'anno successivo è ancora una volta il trionfo di pubblico e critica sanremese con Uno sull'altro: attacco magistrale di tromba, strofa lenta che esplode in un forte colpo di batteria, ritornello a tutta voce. Un piccolo gioiello di passaggi in terza, con la voce di Marco strepitosa. E sempre nel 1986 esce Molti volti, suo secondo album, che contiene l'omonimo brano.

A questo punto Marco si prende una pausa per riproporsi in gran forma sul palco del Cantagiro 1991 con il nuovo disco Posso pensare a te?. Tre anni dopo riappare a Sanremo con la bella Esser duri, scritta ancora una volta a quattro mani con Luca Carboni, dopodiché pubblica l'omonimo album, ricco di vecchi successi ma anche alcuni inediti scritti con Pasquale Panella, grande autore di testi per Lucio Battisti, Zucchero, Mango e diversi altri.

Dopo il buon riscontro ricevuto da Esser duri, Marco continua il lavoro con Panella che frutta nel 1997 l'innovativo album Tredici

Altri quattro anni di silenzio e poi, nel 2001, ecco che Marco ricomparre con un nuovo look, alla trasmissione La notte vola interpretando un suo classico: Tu dimmi un cuore ce l'hai. Da notare che nella prima esecuzione è stato, non si a per quali ragioni, proposto con il titolo Ma dimmi un cuore ce l'hai. Più di recente Marco Armani ha realizzato il singolo Bella da paura (2002) e nel 2007 l'album Parlami d'amore.



Social

Vuoi collaborare?

Scrivici! info at ottantaedintorni.it

Ultime News

Doppia uscita per Walter Foini

"Notte senza luna Ŕ" e "Il silenzio Ŕ fragile"

Il bar del mondo. Nuovo LP per Gianni Togni

Ultima fatica di uno dei cantautori simbolo degli anni 80.

Il pi¨ inaspettato dei ritorni..

Walter Foini presenta Chi? su etichetta RiverRecords



Ottantaedintorni© 2002-2016 - Tutti i Diritti Riservati | Note Legali | Credits | Mappa Sito